Come uno dei produttori più apprezzati della sua – o di qualsiasi altra – generazione, il posto di Sandy Rivera nella storia della musica house è già assicurato. Registrando sia con il suo nome che con il suo leggendario moniker Kings of Tomorrow, l’impareggiabile creatività di Rivera e il suo dono di forgiare dischi house senza tempo lo hanno messo in una lega tutta sua, e senza di lui il panorama house vanterebbe una vista molto meno ricca di colori.

Per molti, Rivera sarà meglio conosciuto per il seminale ‘Finally’, l’opus magnum dei Kings of Tomorrow e un disco che è uno dei migliori dischi vocali house mai realizzati. Uscito su Defected Records – un’etichetta con la quale Rivera ha goduto di una relazione incredibilmente fruttuosa nel corso degli anni – ‘Finally’ risuona ancora più di un decennio dopo.

Tuttavia, conoscere solo “Finally” è solo grattare la superficie dell’esemplare catalogo di Rivera. Gli album The Calling (1997), It’s In The Lifestyle (2000) e Trouble (2005) dimostrano l’ampio talento di Rivera e la sua capacità di incorporare una vasta gamma di influenze stilistiche nella sua musica. Elementi di soul, funk, disco, techno, pop e tutto ciò che sta in mezzo sono comuni nei suoi dischi, Rivera attinge alla miriade di influenze portoricane e all’educazione newyorkese per creare dischi che sono allo stesso tempo familiari e assolutamente unici.

A parte le sue numerose offerte da solista, la collaborazione è sempre stata una parte fondamentale della carriera discografica di Rivera, con ‘SOTOM’ insieme all’artista danese Noir e ‘I Remember’ con C.Castel – pubblicato per la Blackwiz Records di Rivera – che sono i suoi recenti successi. Spingiti un po’ più indietro nel canone di Rivera e troverai una gemma a volte trascurata, EBTG & Soul Vision (Rivera e Jose Burgos) ‘Tracy In My Room’ – un disco davvero iconico con la produzione di Soul Vision che si sposa perfettamente con la voce sensuale di Tracy Thorn.

Noto per aver lavorato con cantanti e cantautori di grande talento come Haze (‘Changes’), Robert Owens (‘Just Won’t Do’) e Elzi Hall (‘Show Me’), Rivera ha trovato una specie di musa negli ultimi anni nella britannica April. Avendo precedentemente pubblicato due EP con April alla voce – ‘I Need To Love Me’ e il sensazionale ‘Fall For You’ del 2013, ‘Bang’ via Ultra / Sony Music e il loro ultimo lavoro “Burn So Deep” che vede il duo tornare alla Defected Records. I tempi recenti hanno visto Sandy concentrarsi sul rilancio della sua etichetta Deep Visionz, che è andata di bene in meglio con grandi singoli come Take Away My Pain, So Good e Closer. Il 2017 è iniziato con un grande singolo per Defected – un club smash “YEAH”.

Negli anni a venire, Sandy Rivera sarà ricordato come uno dei veri grandi della scena; un artista pioniere la cui passione per la musica house si realizza continuamente nella musica che crea. Per ora, però, è ancora impegnato a creare la sua eredità: che possa continuare.

 

Sandy Rivera

DJ SET